Come ogni anno la Conferenza ECM costituisce luogo e momento privilegiato per presentare agli attori del settore (Provider, Società scientifiche, Ordini, Collegi ed Associazioni professionali, Aziende sanitarie, PCO ed Imprese) le più importanti novità del Programma nazionale ECM, approfondire le tematiche di maggior interesse ed attualità, promuovere esperienze di eccellenza ed innovazioni nella formazione e dibattere le criticità emerse nell’implementazione degli strumenti e delle procedure introdotte.

La quinta Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Medicina, in programma il 4 e 5 novembre 2013 presso il Palazzo dei Congressi di Roma, sotto la direzione scientifica della Commissione Nazionale per la Formazione Continua e del Ministero della Salute ed in collaborazione con l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), si tiene a chiusura del primo triennio a regime del Programma nazionale ECM e poche settimane dall’inizio del triennio 2014/2016.

È questo un momento di importante consolidamento per un Sistema ECM che vede già operare oltre mille e duecento Provider a livello nazionale, tra i quali un centinaio passati all’accreditamento Standard, ed altre centinaia nei sistemi regionali. La Conferenza sarà dunque l’occasione per fare un bilancio del primo triennio del nuovo Programma nazionale ECM e, soprattutto, presentare agli operatori indirizzi, obiettivi e strumenti del nuovo triennio. Triennio che vedrà il definitivo passaggio alla certificazione dell’aggiornamento del professionista e all’implementazione di quegli strumenti, come il Dossier formativo, che consentiranno di orientare la formazione sulle reali esigenze del professionista sanitario.

Tra le tematiche di quest’anno la Certificazione dei crediti, punto cruciale del Sistema ECM, il Dossier formativo, che vede, dopo anni di sperimentazione, i primi risultati e le nuove regole per gli esoneri e le esenzioni dei professionisti. Non mancherà l’annuale incontro tra la Commissione e gli Stakeholders, per acquisire e formulare opinioni, quesiti e suggerimenti nell’obiettivo comune di un miglioramento del Sistema ECM ed una sessione dedicata alla formazione continua nelle aziende sanitarie.

Anticipando i contenuti della prima Conferenza Nazionale sulla Medical Simulation, in programma nell’autunno del prossimo anno, una sessione farà il punto sullo Stato dell’Arte nell’aggiornamento e nella formazione attraverso Simulatori ai diversi livelli (post universitario e universitario), con la presentazione delle più importanti esperienze italiane e straniere.

In questo senso, il lungo e approfondito intervento del dott. Armando Cuttano ha dimostrato quanto il Centro NINA sia già all’avanguardia nel panorama nazionale sulle tecniche di formazione in simulazione. A seguire, l’intervista che il dott. Cuttano ha rilasciato a fine Conferenza dove, sinteticamente, ci dà uno sguardo su cosa significa fare simulazione e perché è un metodo didattico così importante.


Fonte: ASL Napoli 2 Nord