25–27 Gennaio 2019
Pisa, Palazzo dei Congressi

Sito web dell’evento:
bimbideimiracoli.it

Come possiamo aiutare i giovani di oggi, bambini ed adolescenti, a crescere sani dal punto di vista fisico, psichico e sociale? Su questo tema si è dibattuto il 20 dicembre a Pisa, presso le Officine Garibaldi, alla presenza di rappresentanti di Istituzioni, medici, psicologi, educatori, associazioni di volontariato e genitori.

Bimbi dei Miracoli”, l’evento dedicato all’età evolutiva che si svolgerà al Palazzo dei Congressi di Pisa dal 25 al 27 gennaio 2019, nasce per rispondere ai molteplici dubbi su cui si interrogano le tante figure che si occupano del bambino e dell’adolescente.


Sto per diventare genitore, come cambierà la mia vita? I nove mesi durante i quali si forma il feto che importanza rivestono per neomamma, bambino e per il futuro papà? …e se il piccolo si ammala come devo comportarmi? A chi devo rivolgermi? Come posso far crescere in salute mio figlio sia dal punto di vista fisico, psichico e sociale?

Sono tante le domande che si pone un genitore e spesso le risposte arrivano solo dopo essersi confrontati con persone che hanno affrontato la stessa fase di vita e soprattutto con chi studia e approfondisce i vari ambiti che ruotano attorno alla figura del bambino e dell’adolescente.

Proprio per questo Bimbi dei Miracoli, evento nato come idea di Evinco srl e della durata di tre giorni, ospiterà operatori del settore sanitario, pediatri, medici specialisti dei più svariati settori della medicina, psicologi, educatori e legali. La tre giorni avrà luogo dal 25 al 27 gennaio 2019 al Palazzo di Congressi di Pisa, con la collaborazione di Confcommercio Provincia di Pisa, il patrocinio di Comune di Pisa e Società della Salute e il supporto di partner quali Paim e Palazzo dei Congressi di Pisa.

L’importante collaborazione di Confcommercio Provincia di Pisa si esplicita perfettamente nelle parole di Federica Grassini, Presidente Confcommercio Provincia di Pisa: “Come associazione siamo felici di collaborare a questa bella iniziativa, capace di coinvolgere insieme esperti, medici, educatori chiamati ad interrogarsi sul benessere  di bambini, giovani e ragazzi. La nostra città sarà lo scenario di questa tre giorni interamente dedicata alla conoscenza e all’approfondimento del mondo dell’infanzia, ponendoci nei loro confronti in maniera meno critica e più propositiva, assumendoci il ruolo che ci compete in qualità di educatori”.

Bimbi dei Miracoli è… salute fisica!

La vita del bambino comincia prima del concepimento, tra sogni e grandi aspettative dei futuri genitori. Per tale motivo rivestono grande importanza i ginecologi e i professionisti che si occupano del nascituro sin dal primo vagito.

“Le nuove frontiere dell’assistenza ostetrica sono l’umanizzazione del parto. Pur mantenendo i tassi di sicurezza di un Centro di terzo livello nella gestione delle gravidanze a rischio, in questi ultimi anni le unità operative di Ostetricia dell’AOUP si stanno sforzando nel ridurre il tasso di medicalizzazione soprattutto nelle gravidanze a medio e basso rischio con una netta riduzione dei tagli cesarei, di episiotomie e di interventismo medico. Il nostro progetto è quello di riportare il calore e l’intimità della casa all’interno di un percorso ospedaliero con alti standard assistenziali perché le donne pisane e non, possano ricevere la migliore assistenza ostetrica all’insegna della sicurezza della madre e del nascituro. Questo obiettivo sarà raggiungibile grazie ad importanti interventi strutturali e culturali che prevedono una prossima ristrutturazione del blocco parto insieme a programmi specifici di simulazione organizzati routinariamente all’interno dell’Istituto e di cui avremo esempi concreti durante la stessa manifestazione”, dichiara Paolo Mannella, Professore di Ginecologia e Ostetricia Università di Pisa.

Presso l’Ospedale Santa Chiara di Pisa vi è una strettissima collaborazione tra ginecologi e neonatologi che consente un passaggio sereno dalla vita nell’utero materno a quella reale.

“La neonatologia di Pisa è contenta di partecipare a questo evento in quanto rappresenta un modo di avvicinarsi alla popolazione e affrontare alcune problematiche in uno dei momenti più importanti della vita: la nascita di un figlio”, dichiara Paolo Ghirri, Direttore Neonatologia Ospedale Santa Chiara di Pisa.

Durante l’evento si parlerà di malattie dell’apparato respiratorio, dal banale raffreddore a problemi più delicati come l’asma nel bambino ma anche obesità, celiachia, malattie dell’apparato digerente piuttosto che vaccini e malattie sessualmente trasmissibili ma anche malattie rare come lipodistrofie.

“La vaccinazione è importante perché ci protegge da malattie infettive importanti che magari non vediamo perché i vaccini le tengono lontane dalla nostra collettività, basta interrompere la vaccinazione anche per poco tempo per vedere riapparire delle malattie terribili, che ormai consideriamo del passato come tetano, difterite e poliomielite. Vaccinarsi è importante non solo per proteggere se stessi ma anche per proteggere quei bambini che per problemi di salute non possono vaccinarsi”, sottolinea Pier Luigi Lopalco, epidemiologo Università di Pisa.

Sarà un momento di incontro con ortodontisti, pediatri, psicoterapeuti, logopedisti per agevolare lo scambio di informazioni e soprattutto di informazioni corrette, quelle che vengono elaborate da professionisti e non fake news che spesso giro in rete.

“Non c’è nulla di più genuino della figura di un bambino”, evidenzia Stefano Geraci, specializzato in pediatria e medico di famiglia innamorato del magico mondo dei bambini.

La rete che tanto ci aiuta nella vita di tutti i giorni ma che è piena di insidie se non viene usata nel modo corretto. Anche i nostri figli possono essere vittime della rete in cui spesso cercano risposte a domande che non riescono a porre a persone concrete, come genitori o nonni o chi si occupa del loro percorso di crescita, per mancanza di tempo.

Fabio Calabrese, AD Devitalia Telecomunicazioni, sostiene che: “come genitori abbiamo il dovere di conoscere e di utilizzare in maniera corretta gli apparati elettronici che mettiamo nelle mani dei nostri figli, siano essi computer, tablet o smartphone. È impensabile che siano loro ad insegnare a noi. Solo attraverso la conoscenza possiamo comprendere i pericoli e le insidie della rete, mettere in guardia i nostri figli e sorvegliare affinché non cadano in tranelli o vedano contenuti non adatti alla loro età”.

25–27 gennaio 2019, Palazzo dei Congressi di PisaBimbi dei Miracoli è… salute psichica!

Viviamo in un mondo in cui tutto scorre velocemente, in cui stare insieme ai nostri figli visitando una mostra o passeggiando in centro città ma anche semplicemente guardando un film in tv diventa difficile. Intanto, la cronaca porta ogni giorno alle nostre orecchie e ai nostri occhi avvenimenti sconvolgenti, tragedie che potrebbero spesso essere evitate. Ragazzi che bullizzano i compagni, insegnanti minacciati mentre svolgono regolarmente il loro lavoro di educatori, figli che “comandano” sui genitori, famiglie di nuovo stampo in cui spesso i genitori sono separati o in cui nelle quattro mura domestiche si consumano abusi e violenze… o “semplicemente” altre priorità. E’ giunto il momento di interrogarci in maniera approfondita su cosa sta succedendo se vogliamo cambiare questa “evoluzione” negativa che ha i tratti di una involuzione.

“Non è scontato che i figli dei genitori separati siano bambini afflitti e infelici. I figli soffrono ugualmente sia se genitori si lasciano, sia se rimangono insieme pur non amandosi. Oggi abbiamo tutti gli strumenti necessari a trasformare un processo doloroso in una svolta positiva priva di traumi. I figli hanno solo diritto ad essere informati ed ascoltati per comprendere questo passaggio ad una nuova fase”, dichiara Monica Stefanelli, Avvocato Foro di Pisa Diritto Civile.

Bimbi dei Miracoli è… salute sociale!

Bimbi dei Miracoli, vuole essere anche un momento di incontro, di dibattito, di scambio di opinioni tra genitori, insegnanti, educatori e figure professionali esperte come psicologi, sociologi e counsellor. Oggi più che mai c’è bisogno di questo confronto, di capire come possiamo contribuire tutti a indirizzare nel miglior modo possibile i giovani partendo dalla scuola dell’infanzia dove si formano le basi di colui che sarà l’adulto di domani.

“L’adolescenza, situata tra l’infanzia e l’età adulta, è una fase della vita delicata e importante. È l’età dei grandi cambiamenti con una serie di modificazioni somatiche, psichiche, neuroendocrine e relazionali tanto da stravolgere l’equilibrio e generare stati d’animo nuovi. La società in cui viviamo propone un ritmo molto accelerato rispetto al passato, e questo spesso genera, in particolare tra i giovani, smarrimenti e disorientamento. L’intelligenza emotiva è definita come quella capacità di un individuo di riconoscere, distinguere e gestire le emozioni proprie e degli altri. Riconoscere sentimenti ed emozioni ci aiuta ad orientarci nelle relazioni con gli altri e ad esprimere meglio il proprio potenziale”,   dichiara Simona Cotroneo, Psicologa e Psicoterapeuta, responsabile del Progetto Fair Play.

A tal fine, nella tre giorni, ci sarà spazio per discutere di bullissimo e cyberbullismo, di rapporti scuola–famiglia e di interazione alunni-insegnanti, di alienazione parentale, di violenza intrafamiliare e tutela dei minori.

Saranno presenti le scuole di vario grado che potranno partecipare sia alle conferenze che ai laboratori e spettacoli a tema.

“Ci sono problemi che rimangono nascosti nella società e nelle comunità, continuando a produrre vittime silenziose e impotenti. E’ proprio questo silenzio a rendere possibile il perpetuarsi del problema. Il bullismo e ancora più il cyberbullismo non sfuggono a questa regola. Si insinuano in tutti gli ambienti comunitari e consentono a dei potenti impotenti di vittimizzare i più deboli e vulnerabili, utilizzando la più meschina delle strategie: la prevaricazione. Per questo è importante prevenire e combattere questi atteggiamenti fin dall’età più precoce partendo dalla scuola e da tutti i contesti educativi e aggregativi”, dichiara Maria Rosa Cranchi, sociologa, counselor e mediatore dei conflitti scolastici.

Uno spazio importante verrà dedicato alle associazioni di volontariato come l’ATMO, associazione trapianto midollo osseo, per far crescere la cultura della donazione come aiuto concreto ai bisogni dell’altro; l’AID Pisa, l’AIDP Pisa.

Molte altre associazioni del territorio saranno presenti per informare sulle rispettive attività e far conoscere il loro ruolo e l’aiuto che possono dare.

Bimbi dei Miracoli è… divertimento!

Non mancherà lo spazio ludico e sportivo, perché il gioco è fondamentale per la crescita sana ed equilibrata e con il gioco si apprendono tante piccole regole che possono aiutarci nella vita di tutti i giorni come la collaborazione, la disciplina, il rispetto, la sana competizione, la voglia di sfidarsi e migliorarsi.

Vi abbiamo già detto tanto. Noi ci crediamo, crediamo ai bambini di oggi perché saranno il nostro futuro e abbiamo il dovere di fornirgli tutto il meglio per crescere. Questo è possibile solo dando una informazione corretta a genitori e familiari e una formazione accurata a medici, educatori e professionisti che ruotano intorno a questo mondo bellissimo.


Pisa, 20 dicembre 2018

Emilia Vaccaro, Ufficio stampa e comunicazione cell. 3492626205

Sito web Bimbi dei Miracoli