Progetti attivi

La formazione in simulazione è il cuore pulsante del Centro, ma non è sicuramente la sua unica attività. I progetti portati avanti coprono numerosi campi, ed nel cassetto ci sono progetti davvero rivoluzionari in fase di sviluppo.

Sono allo studio nuovi skill trainer e il progetto di un simulatore di nuova generazione, che integri il simulatore polmonare Meressina e altre soluzioni per rendere sempre più verosimile e fruibile l’esperienza della simulazione. Per quanto riguarda il simulatore polmonare, in particolare, la realizzazione di un modello a più camere è attualmente in fase avanzata di realizzazione: tale device, cui abbiamo dato il nome di Meressina 2.0, vedrà poi un ulteriore avanzamento nell’implementazione dei materiali utilizzati.
Considerando gli skill trainer, è di recente fabbricazione
un nuovo modello di simulatore per l’intubazione neonatale:
si tratta di un simulatore attivo, dotato di sensori in grado di registrare il livello di forza applicato durante l’esecuzione della procedura. Grazie al feedback derivato da tali sensori, esso può essere impiegato in attività di retraining volte all’ottimizzazione della manovra.

Cooperazione Internazionale

Il centro NINA, da anni impegnato sul territorio nazionale in temi di formazione e sicurezza in ambito neonatale, negli ultimi anni ha ampliato i propri orizzonti impegnandosi anche sul fronte internazionale.

Nel corso del 2017 due professionisti della U.O. di Neonatologia, il dott. Massimiliano Ciantelli e l’infermiera Stefania Marcacci, hanno partecipato, insieme ad altre Aziende sanitarie toscane, ad un progetto di cooperazione sanitaria internazionale in ambito materno-infantile. I due professionisti hanno trascorso un periodo in due settimane in due ospedali kenyoti, il North Kinangop Catholic Hospital e il Ruaraka Uhai Neema Hospital, per formare il personale locale.

Il mese di Febbraio 2018 ha visto nascere un nuovo progetto di cooperazione internazionale che ha coinvolto il Centro Nina. La professoressa Zahra Ben Said Marrakchi, presidente della Società di Neonatologia tunisina e direttore del reparto di Neonatologia dell’Hopital Charles-Nicolle di Tunisi (Faculté de Médecine de Tunis, University Tunis El Manar), ha chiesto la collaborazione del Centro Nina e della U.O. di Neonatologia di Pisa in vista dell’apertura, previsto per il 2019, del nuovo reparto di Neonatologia di 3° livello a Tunisi.

Realizzato grazie al vostro supporto all'onlus ANDIAM

ANDIAM è l’Associazione ONLUS senza scopo di lucro che permette e ha permesso ai progetti di ricerca di prendere vita dalle idee del team del Centro.

Nata nel 2010, ANDIAM ha l’obiettivo di prevenire e risolvere le problematiche delle nascite premature, delle malattie rare e congenite e di tutte le patologie peri-natali.